I segreti delle calorie

L’ aceto di mele è molto utilizzato per il condimento di insalate o per arricchire dei piatti grazie al suo retrogusto particolare. È ricco di sali minerali come potassio, calcio, fosforo, ferro, rame, magnesio, zolfo, fluoro e silicio. È preferibile consumarlo biologico e non pastorizzato, perché gli acetobatteri presenti, cioè quelli responsabili dell’acidificazione, svolgono un’azione risanatrice e disintossicante nell’organismo ed hanno un’alta affinità con la flora batterica dell’intestino umano.👉Più che il conteggio delle #calorie, è quello dell’esercizio fisico richiesto per compensarle che può convincere a mangiare meno e meglio.
Da tempo società scientifiche come la Royal Society for Public Health chiedono, per prevenire in maniera più efficacia sovrappeso e obesità, che l’indicazione delle calorie sia sostituita o affiancata da quella dei minuti di marcia a passo svelto o corsa necessari a consumare le calorie assunte. Adesso una delle prime revisioni condotte sull’argomento conferma che probabilmente hanno ragione. Ricercatori delle Università di Loughborough, Birmingham e East Anglia hanno infatti pubblicato sul Journal of Epidemiology & Community Health quanto emerso analizzato 14 studi che hanno preso in considerazione il tema, trovando risultati che lasciano pochi dubbi sulla validità del cosiddetto sistema PACE (acronimo di “Physical Activity Calorie Equivalent or Expenditure”, ma che significa anche “ritmo”).
‼️Così, per esempio, per compensare una 🍫 tavoletta di cioccolato al latte che apporta 229 calorie bisogna camminare 42 minuti o correre per 22. Per una 🍕 pizza i minuti di corsa diventano 45, mentre per una 🥤 bevanda da 138 calorie servono 26 minuti di marcia, e 13 di corsa. In base all’analisi dei dati, chi vede sull’alimento, sulla bevanda o sul menu l’indicazione PACE sceglie 65 calorie in meno e registra un consumo inferiore di 80-100 calorie rispetto a quando non compare alcuna informazione… e voi? Che ne pensate?L’ aceto di mele è molto utilizzato per il condimento di insalate o per arricchire dei piatti grazie al suo retrogusto particolare. È ricco di sali minerali come potassio, calcio, fosforo, ferro, rame, magnesio, zolfo, fluoro e silicio. È preferibile consumarlo biologico e non pastorizzato, perché gli acetobatteri presenti, cioè quelli responsabili dell’acidificazione, svolgono un’azione risanatrice e disintossicante nell’organismo ed hanno un’alta affinità con la flora batterica dell’intestino umano.

Scopri l’aceto di mele!

L’ aceto di mele è molto utilizzato per il condimento di insalate o per arricchire dei piatti grazie al suo retrogusto particolare. È ricco di sali minerali come potassio, calcio, fosforo, ferro, rame, magnesio, zolfo, fluoro e silicio. È preferibile consumarlo biologico e non pastorizzato, perché gli acetobatteri presenti, cioè quelli responsabili dell’acidificazione, svolgono un’azione risanatrice e disintossicante nell’organismo ed hanno un’alta affinità con la flora batterica dell’intestino umano.

👉È in grado di facilitare la digestione, sgonfia, migliora l’aspetto della pelle, è un ottimo anti-infiammatorio, alcalinizzante, diuretico, aiuta il sistema immunitario e ha un potere saziante…

Insomma, si parla di un alimento dal valore terapeutico che spesso viene utilizzato anche dalla medicina naturale… dulcis in fundo pare riesca a ridurre la glicemia postprandiale se assunto nei pasti… che dire, ottimo condimento!! 😄

Il Topinambur

Il #topinambur è conosciuto in tutto il mondo e soprattutto negli Stati Uniti come “il carciofo di Gerusalemme”; si tratta di un ortaggio poco noto che andrebbe riscoperto: rispetto alla patata infatti è un po’ meno nutriente, ma ha interessanti proprietà che lo rendono molto utile per chi soffre di diabete, di colesterolo alto e per chi è a dieta. Il topinambur contiene poche calorie (solo 30 kcal per 100 g ), è formato dall’80% di acqua e contiene fibre alimentari solubili che possono essere solo parzialmente metabolizzate dalla microflora intestinale, favorendo cpsì lo sviluppo di batteri utili (bifidobatteri e lattobacilli), a scapito dei batteri potenzialmente patogeni.
Il suo gusto particolare ricorda quello di un carciofo dolciastro, un ottimo sostituto di patate e tuberi!

Risveglio e attività fisica

👨‍🏫 Secondo uno studio condotto dalla Brigham Young University (BYU) praticare dell’attività fisica al #risveglio riduce l’appetito e la quantità di cibo ingerita nel resto della giornata.
👉 I ricercatori della BYU hanno preso un gruppo di donne, di cui alcune obese, e tramite degli elettrodi hanno misurato il livello di attenzione nei confronti del cibo sia nei giorni senza attività fisica, sia nei giorni in cui si erano sottoposte a 45’ di esercizio al risveglio.
😲 In questo ultimo caso, non solo l’attenzione verso il cibo delle donne sottoposte all’esperimento era calato drasticamente, ma si era anche innalzata l’attività metabolica, permettendo loro di continuare a bruciare calorie senza ingerirne quantità superiori…
⏰ Dunque sveglia e scarpe da ginnastica, quale migliore accoppiata! #activitytips

Gli Spinaci

Non solo braccio di ferro! 💪
Gli spinaci sono ricco di sostanze nutritive, ma assorbirai più calcio e ferro se lo mangi cotto.
👉Il motivo: gli spinaci sono carichi di acido ossalico, che blocca l’assorbimento di ferro e calcio ma si può ovviare a questo problema cucinando ad alte temperature.
🧐Uno studio ha scoperto che la cottura rapida degli spinaci in acqua bollente, per poi immergerli in acqua fredda, riduce in media il contenuto di ossalato del 40 percento, un metodo di cottura più efficace della semplice padella o della cottura a pressione.

Centrifughe, ma non troppo!

Le centrifughe di frutta sono diventate un vero #trend. Al bar o in casa vengono spesso utilizzate come sostituti di un pasto, un’ottima occasione per fare il carico di vitamine e sali minerali.

Ma non sempre è giusto frullare la frutta! Le calorie in formato “liquido” hanno un più rapido assorbimento e possono causare un innalzamento degli zuccheri nel sangue.

È più corretto mangiare il frutto intero che, maggiormente ricco di fibre, aiuterà il vostro senso di sazietà e impedirà rapidi innalzamenti glicemici. Non spaventatevi però, le centrifughe fanno bene, ma come tutte le cose: non abusiamone! #nutritionaltips ????????????????????????

Le etichette nutrizionali, un aiuto alla nostra alimentazione

Quando si parla di etichette nutrizionali è facile che si generino confusione e dubbi, data la complessità della materia, cerchiamo quindi di fare un po’ di chiarezza.

Diciamo subito che la legge di riferimento  in Europa è la 1169/2011 atta a rendere informati e consapevoli i consumatori europei, per garantire la salute di tutti.
L’obbligo di etichetta si applica solo ai prodotti alimentari ‘preimballati’ destinati alla vendita al consumatore finale (nonché alle cosiddette collettività, ad esempio bar, esercizi pubblici e di ristorazione, catering). Sono perciò esclusi i prodotti ‘preincartati per la vendita diretta’ (es. formaggi esposti in banco-frigo, avvolti nel cellophane con etichetta adesiva del supermercato),

Una deroga di carattere generale è stabilita a favore di una serie di prodotti (reg. UE 1169/11, Allegato V) come gli alimenti non trasformati (che appartengano a un’unica categoria di ingredienti, esempio insalate in busta), gli alimenti trasformati sottoposti solo a stagionatura  (unica categoria di ingredienti, es. stoccafisso), le farine, le acque minerali, le micro confezioni (quelle cioè la cui superficie più ampia sia inferiore a 25 cm²), aromi, spezie, erbe, dolcificanti, gelatine, enzimi, gomma da masticare, bottiglie di vetro (marcate in modo indelebile), integratori alimentari. E soprattutto, i prodotti realizzati da microimprese (meno di 10 dipendenti e meno di <2 milioni di fatturato), venduti a ‘livello locale’

I ‘valori medi’ da dichiarare possono venire ricavati, sotto la libera e responsabile scelta dell’operatore, da tre fonti:

– analisi di laboratorio condotte dal produttore

– calcolo ‘effettuato a partire da valori medi (noti o effettivi) relativi agli ingredienti utilizzati‘,

– computo sulla base di dati ‘generalmente stabiliti e accettati

La tabella deve essere compilata secondo un ordine prestabilito e deve obbligatoriamente riportare i valori dell’energia e di alcuni nutrienti

La fantasia non è ammessa, la dichiarazione nutrizionale deve seguire un lessico e un ordine tassativo:

– energia (kJ, kcal),

– grassi,

– di cui acidi grassi saturi,

– carboidrati,

– di cui zuccheri,

– fibre (su base volontaria),

– proteine,

– sale (inteso come sodio, di qualsiasi fonte, per 2,5).

La dichiarazione va sempre riferita ai 100 grammi o millilitri di prodotto,

Tutte queste diciture vanno inserite per legge, ma attenzione a quelli che sono i falsi claim (messaggi) presenti sull’etichetta, di cui adesso daremo alcuni esempi:

  • Un alimento può essere dietetico ma non a ridotto contenuto di grassi o calorie (si definisce un alimento dietetico quello atto a fini medici speciali, come alimenti per celiaci, iposodici, aproteici..)
  • Un alimento può essere biologico, forse più salutare ma per questo non significa meno calorico;
  • Un alimento può essere light, a ridotto tenore di grassi, discorso che non vale per gli zuccheri con il quale magari viene caricato per renderlo palatabile..

Alla luce di tutto ciò non possiamo qui vedere ed analizzare ogni claim nutrizionale o etichetta ma  Vi invito sempre a leggere, a confrontare, a leggere gli ingredienti facendo valere alcun regole basilari:

  • Scegliete alimenti con la lista di ingredienti più corta;
  • Non comprate alimenti di cui non capite il nome degli ingredienti, o che presentano troppe sigle;
  • Scegliete prodotti che siano della tradizione, cose che avrebbero mangiato i nostri nonni..
  • Non fatevi incantare da strane pubblicità, alimenti magici o mode;

Informatevi con il vostro medico o nutrizionista!