Come mangiare sano: i primi passi

Come mangiare sano:
i primi passi

Prima di cominciare a parlare di come mangiare sano, ti faccio una domanda: conosci la differenza tra sano e dietetico, light e biologico? Come preparare una cenetta dietetica e cosa mangiare cercando di cucinare sano?

Per muovere i primi passi e capire come riuscire a mangiare sano, inziiamo a comprendere un po’ di terminologia:

  • Dietetico: qualsiasi alimento atto a fini medici speciali (DL 111 del 27 gennaio 1992)
  • Light: a ridotto contenuto di grassi
  • Biologico: un alimento prodotto o coltivato senza l’uso di sostanze esterne artificiali
  • Sano: ???

Come mangiare sano: quando un alimento è dietetico

Abbiamo definito dietetico un alimento che è atto a fini medici speciali. Cosa vuol dire in parole povere? Sono tutti gli alimenti per soggetti che hano un bisogno specifico, quali celiaci, persone con pataologie renali, persone con ridotto assorbimento vitaminico.

Quindi, come si può facilemte evincere, un alimento dietetico non è un alimento a basso conenuto calorico, quanto un alimento utilizzato per mantenere sotto controllo patologie umane.

Un alimento Light

Un alimento Light lo riconoscete da unq quantitativo di grassi inferiore rispetto allo stesso prodotto della linea base. Ciò nonostante, questo non vuol dire che il prodotto è a minor contenuto di carboidrati o di calorie. Quindi, anche qui, se siete davanti al banco frigo, per esempio, e pensate che prendendo un prodotto light ridurrete drasticamente il quantotativo calorico giornaliero… occhio, perché non è proprio così!

Biologico: coltivato o prodotto

Un prodotto è biologico quando durante la sua filiera non riceve ausilii di natura chimica, mantenendo la biodiversità del suolo naturale. Cosa implica questo per noi?

Un’introduzione di pesticidi inferiore nel nostro organismo e un conseguente minor accumulo di sostanze potenziamente tossiche nell’organismo.

E un alimento sano?

Interessante domanda. Definiamo un alimento sano quello che ci fa stare bene. Mantenere lo stato di salute ed evitare la malattia secondo OMS.

Più che di alimento sano, dovremmo parlare di pasto sano… vale a dire quel pasto che mi garantisca tutti i nutrienti di cui ho bisogno, che mi faccia stare sazio senza innalzare la glicemia in maniera repentina, potenzialmente garantendomi un apporto di macro e micronutrienti.

Fonte: FitEat Italia

5 buoni motivi per mangiare gli spinaci (anche per chi non è Braccio di Ferro!)

Gli spinaci sono da sempre considerati una preziose fonte di minerali e vitamine. Forniscono molti nutrienti senza appesantire l’organismo con un carico di carboidrati eccessivo. Sono un ottimo alleato per tutti coloro che sono attenti alla linea o per chi sta seguendo una dieta vegetariana/vegana.

 

Gli spinaci sono una buona risorsa di Vitamina A, B2, C, E e K, ferra, calcio, magnesio, manganese, fosforo, zinco, selenio, rame, proteine e fibre. Sono inoltre ricchi di flavonoidi e carotenoidi.

Ma perché fa così bene mangiare gli spinaci?
Come possono essere d’aiuto al nostro organismo?

Letti tutto

Dalle leggende al forno, le castagne e la nostra tavola

Continuiamo il nostro viaggio tra le meraviglie d’autunno parlando di un frutto, la castagna.

Soprannominate dai latini “ghiande di Zeus” perché l’albero, grazie al suo tronco possente e alla chioma imponente evocava il dio supremo, risultano un frutto completo.

Sazianti, ricche in fibre e minerali, utile in caso di anemia e stanchezza psicofisica, grazie al loro elevato apporto calorico (circa 190 calorie in 100 grammi) e la ricchezza in carboidrati complessi sono simili per valore nutritivo ai cereali a cui possono essere sostituiti in caso di celiachia, coprendo completamente la parte glucidica del pasto.

Grazie alle fibre  riducono il colesterolo e riequilibrano la flora batterica e, tra le vitamine contenute nelle castagne troviamo la A, la  B1 ,B2 , B3 , B5, B6, acido folico, B12, C oltre a  molteplici minerali, gli stessi presenti nella frutta ma con il potere nutritivo di un  cereale… un bell’affare insomma!

Che siano al forno o prese in un cartoccio durante una passeggiata in centro, non rinunciate a questo frutto che rende l’autunno così magico.

Mettiamocelo in zucca, consumiamo le verdure di stagione!

Divenuta celebre come simbolo di Halloween, parliamo anche della zucca, fantastico ortaggio che apporta solo 18 calorie per 100g.
Al di là del sapore delicato, questa cucurbitacea dalla polpa giallo-arancio è ricchissima di antiossidanti tra i quali spicca il beta carotene e la vitamina C. Tra le proprietà figura anche l’aspetto lassativo ( utile per la stitichezza ) e sedativo ( una specie di calmante naturale).
I semi, che possono anche essere essiccati in casa, sono ricchi di omega 3, triptofano  ( un aminoacido che rilassa l’organismo), fibre e vitamina E…
Insomma, tanti ottimi motivi per consumare questa pietanza, al forno o in padella secondo il gusto di ciascuno!

Viaggio tra le meraviglie d’autunno

Eccoci qui, finita l’estate entriamo in questo splendido mese autunnale, ricchissimo sia da un punto di vista paesaggistico che alimentare.
Ottobre è infatti il mese dei funghi, ottimi sia crudi che cotti, per praticità li  classificheremo come verdura ( anche se i più tecnici diranno essere un regno a se 🙂 ); con pochissime calorie (26 kcal per 100 g) e ricchissimi in minerali come fosforo, potassio, selenio e magnesio, acqua e quindi ad alto potere saziante.
Da sempre sono stati usati per aiutare il fisico a superare indenne il cambio di stagione, risultano un alleato della salute a 360°… approfittiamo adesso per gustarli freschi, crudi o cotti, anche nelle pappardelle perché no!